Categoria: Seminari e Convegni
Stato: Archiviata
27 marzo 2018 - ore 14.30

L'agricoltura dell'Africa sub-sahariana e suoi riflessi sulle migrazioni

Sala della Caccia, Castello del Valentino, Torino

Il Seminario "L'agricoltura dell'Africa sub-sahariana e suoi riflessi sulle migrazioni" tocca argomenti di larghissima attualità.
Fino alla fine del secolo scorso i migranti africani in Italia erano per lo più nord-africani ma dal 2000 lo scenario è cambiato e ora essi provengono dall'Africa sub-sahariana. Con il 70% di popolazione rurale in quella parte del mondo sembrerebbe logico pensare che sia un'agricoltura non redditizia a averli spinti a migrare. Questa è una verità di fondo la quale però venendo alla superficie presenta connotazioni molto diverse da quelle semplicemente agricole.
Ricercando le cause profonde delle migrazioni (interne ed esterne all'Africa) si parte da una disamina iniziale dei principali sistemi agricoli sub-sahariani, dei regimi fondiari, dei risultati della così detta Rivoluzione Verde, della presenza delle Multinazionali con le piantagioni e le monoculture, dell'agricoltura familiare, del sistema delle Cooperative e del ruolo delle ONG. Segue l'analisi del fenomeno migratorio con le sue molte cause, dove sullo sfondo rimane comunque sempre la precaria disponibilità delle terre con le situazioni conflittuali che ne derivano.
Senza certezze assolute, con alcune certezze relative e soprattutto con molte speranze vengono infine presentate delle proposte che non potranno certamente cancellare il fenomeno migratorio ma potrebbero renderlo più consapevole e pertanto ridurlo.

Stefano FERRARIS, Professore Associato di Idraulica agraria e sistemazioni idraulico-forestali
Introduce e presenta

Andrea GIORDANO
Laurea in Agraria all’Università di Firenze, Master of Science all’Università del Wisconsin (USA), ricercatore presso IPLA di Torino, esperto FAO in Marocco, responsabile del settore “Scienza del suolo” presso la Soc. Aquater, professore associato di Pedologia presso la Facoltà di Agraria dell’Università di Torino, attualmente in pensione.
I suoi campi di ricerca sono i suoli, l’uso delle terre, l’erosione e la desertificazione. Ha passato lunghi periodi nei Paesi in Via di Sviluppo in Africa, Asia e America.
È autore o coautore di 125 pubblicazioni, tra cui “Pedologia” UTET 1999 “Pedologia Forestale e Conservazione del Suolo” UTET 2002.

Ingresso libero, è gradita la conferma di partecipazione inviando una e-mail a
promozione.dist@polito.it