Categoria: Seminari e Convegni
Stato: Archiviata
17 aprile 2019 - ore 17.00

Cittadini ai tempi di Internet. Per una cittadinanza consapevole nell'era digitale

Sala Consultazione Biblioteca Centrale di Ingegneria - C.so Duca degli Abruzzi 24, Torino

Sergio Pace referente del Rettore per i Servizi Bibliotecari, Archivistici e Museali
discute con Alfonso Fuggetta di:

Cosa significa oggi essere cittadini in una società divenuta sempre più interconnessa e complessa proprio per la grande diffusione delle tecnologie digitali e dei servizi di Internet?
Un mondo nuovo si è dischiuso di fronte a noi, complesso, vasto, articolato: come accompagnare e sostenere tutti i cittadini e - ancora più importante - i nostri giovani nella sua esplorazione e scoperta? Come venirne fuori?

"Dobbiamo capire che non si tratta di promuovere "soltanto" una cultura digitale quanto di ripensare in generale i concetti di cittadinanza, di cultura e di maturità per una società moderna che si sviluppa in presenza di internet e di tutte le tecnologie digitali ad essa collegate".

Questo il pensiero di Alfonso Fuggetta che in questo saggio semplice, ma completo illustra le potenzialità e i rischi della rivoluzione digitale e avverte che, a parte il conoscere il funzionamento degli strumenti digitali, per contrastare fake news o hate speech, non basta avere ben presenti le regole o essere alfabetizzati in informatica. È necessario (e ormai urgente)
individuare metodi nuovi, originali ed esaustivi per affrontare gli anni che verranno anche se, alla base di questo processo, la ricetta principe resta l'educazione dei giovani e non semplicemente la loro formazione.
Perché soltanto giovani maturi e consapevoli potranno affrontare al meglio i tempi digitali in continua trasformazione. Da cittadini e da professionisti del futuro.

Info e adesioni

per le adesioni degli interni cliccare qui
per le adesioni degli esterni scrivere a eventi@polito.it

I dati verranno trattati nel rispetto del Regolamento Generale sulla protezione dei dati (Regolamento EU 2016/679); si prega di prendere visione dell’informativa privacy.”