Categoria: Seminari e Convegni
Stato: Archiviata
22 maggio 2019 - ore 17.45

La società della pseudoscienza. Orientarsi tra buone e cattive spiegazioni

Sala Consultazione Biblioteca Centrale di Ingegneria - C.so Duca degli Abruzzi 24, Torino


Antonio Santangelo, Direttore Esecutivo del Centro Nexa su Internet e Società del Politecnico di Torino discute con l'autore Giuseppe Tipaldo, Università degli studi di Torino, di:

La società della pseudoscienza - Orientarsi tra buone e cattive spiegazioni

Quali meccanismi sociali presiedono alla formazione di reazioni allarmate verso gli inceneritori, il Tav in Val di Susa o il Tap in Salento?

Come vengono promossi comportamenti antiadattivi, che portano molti a rifiutare i vaccini o la chemioterapia e, al contempo, a dare credito a cure alternative prive di supporto scientifico?
Dal caso Bonifacio – il veterinario che negli anni Sessanta ideò un siero anticancro basato su escrementi di capra – al metodo Di Bella o a quello Stamina, una parte dell’opinione pubblica italiana, istigata da alcuni media e opinion leader a interagire con tutti su qualunque argomento e alla pari, non cessa di subire il fascino delle spiegazioni pseudoscientifiche.

Uno sguardo lucido sui motivi che alimentano tali cortocircuiti e insieme una ottima guida per discernere tra buone e cattive spiegazioni.
La società della pseudoscienza di Giuseppe Tipaldo non è solo un’utilissima summa delle controversie pseudoscientifiche
contemporanee, ma costituisce un accorato e ben documentato grido d’allarme nei confronti del “baratro di sfiducia verso il quale le società europee si stanno incamminando, quella italiana a passo più svelto delle altre”, e che sta trasformando “una banale influenza in una piaga pandemica”.
Per invertire la tendenza, occorrono strumenti e strategie nuove.

Info e adesioni

per le adesioni scrivere a eventi@polito.it

I dati verranno trattati nel rispetto del Regolamento Generale sulla protezione dei dati (Regolamento EU 2016/679); si prega di prendere visione dell’informativa privacy.”