Categoria: Seminari e Convegni
Stato: Corrente
22 gennaio 2020 - ore 13.00

La censura internet nel 2019: aggiornamenti dall’osservatorio delle interferenze di rete

Centro Nexa su Internet & Società, Via Boggio 65/a - Torino

Ospite: Arturo Filastò (Fellow Centro Nexa, fondatore di OONI - Open Observatory of Network Interference)

OONI (Open Observatory of Network Interference) o l’Osservatorio Aperto delle Interferenze di Rete, è un progetto che dal 2012 fa misure di rete con lo scopo di individuare la censura internet. Viene fatto tramite un app mobile e desktop, che sono software libero, e tutti i dati raccolti sono pubblicati come Open Data. OONI è anche una community di persone interessate a capire come viene implementata la censura internet nel mondo.

Grazie a questa rete di persone ogni mese vengono raccolte centinaia di migliaia di misure di rete in quasi ogni paese del mondo (200+ paesi), coprendo migliaia di rete differenti, che permettono di fare luce su vari eventi censori nel mondo. Durante questo intervento si parlerà brevemente di quello che fa OONI, per poi concentrarsi sulle ricerche sviluppate nel 2019.

L'attenzione verrà posta su alcuni casi di censura internet che hanno avuto un impatto particolarmente importante, come ad esempio il caso del blocco di Wikipedia in Cina e Venezuela, il blocco di WhatsApp in Etiopia e la censura di siti sui diritti riproduttivi. Si parlerà di come sono stati condotti questi studi e quali sono stati i risultati. Usando questi casi come spunto, saranno analizzati i trend nel mondo della censura internet per l’anno passato e si discuteranno alcune tecnologie che potrebbero rendere i servizi su internet più resilienti al blocco.

Biografia del relatore:
Arturo FILASTÒ ha fondato OONI (Open Observatory of Network Interference) nel 2011 e da allora è il Project Lead. In passato ha lavorato per il Tor Project come sviluppatore e ha creato un numero di progetti di software libero per promuovere i diritti digitali, quali GlobaLeaks e Tor Atlas. È inoltre il co-fondatore e ha servito come vice-presidente del Centro Hermes per la Trasparenza e Diritti Umani in Rete. Arturo ha studiato Matematica e Informatica all’Università di Roma “La Sapienza”.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Saranno disponibili panini e bibite per coloro che si saranno registrati su https://nexa.eventbrite.com/ entro il 20 gennaio.

Live streaming
Pagina dell'incontro