Categoria: Seminari e Convegni
Stato: Archiviata
26 Aprile 2016, ore 18.00

Valigie di cartone e case di cemento

Circolo dei Lettori, via Bogino 9, Torino

L’incontro propone un bilancio critico sull’eredità materiale del secondo dopoguerra a Torino, a partire dal ruolo dell’edilizia industrializzata nella costruzione della città pubblica, per far fronte alla grande ondata migratoria che, a partire dagli anni Cinquanta del Novecento, ha contribuito alla costruzione dell’immagine di Torino come città industriale per eccellenza.
Il dibattito affronta la ricaduta sul cantiere e sugli esiti costruttivi dell’applicazione di brevetti di industrializzazione edilizia,
importati dall’estero e i conseguenti mutamenti dei caratteri distributivi e dei modelli abitativi.
Centro dell’attenzione sono i nuovi quartieri di edilizia sociale, come Mirafiori Sud, via Artom, Corso Taranto e Falchera Nuova: quartieri satelliti nati al margine estremo della città, e da essa resi ancora più isolati dalla - almeno iniziale - quasi totale assenza di mezzi di trasporto pubblico; fuori scala stranianti, dove il progetto moderno sembra essersi bruscamente interrotto.
La riflessione sul futuro di questi luoghi, e sulle possibili strategie di gestione e rigenerazione, è condotta da Pier Giovanni Bardelli e Valentino Castellani.

La presentazione avverrà sotto forma di tavola rotonda e consentirà ai partecipanti iscritti agli Ordini professionali degli Ingegneri e degli Architetti di ottenere due crediti formativi.

Logo della sezione

© Politecnico di Torino - Credits