Categoria: Eventi Poli
Stato: Corrente
Fino al 13 febbraio 2022

Architetture contemporanee sulle Alpi occidentali italiane

Centro Saint-Bénin - Via B. Festaz, 27 - Aosta

L’esposizione, a cura del centro di ricerca "Istituto di Architettura montana" del Politecnico di Torino, presenta una rassegna di più di cinquanta architetture realizzate sulle Alpi di Piemonte e Valle d’Aosta.

Si tratta di opere in cui la qualità nella costruzione dello spazio fisico si intreccia con i processi di sviluppo locale e con la diffusione di pratiche abitative innovative.

Rigenerazione dei luoghi a base culturale, nuova agricoltura, green economy, valorizzazione e riuso del patrimonio, turismo sostenibile, sono temi che ricorrono sovente a percorsi di natura partecipativa dando luogo a interventi che, anche se talvolta di scala minuta, incardinano e costruiscono nuovi significati, economie e identità.

I progetti illustrati mostrano come, anche in Valle d’Aosta, sia in atto una metamorfosi culturale in cui l’architettura e l’aménagement del paesaggio tornano a giocare un ruolo strategico per una nuova abitabilità del territorio montano.

Una trasformazione che vede sia i progettisti uscire dalla dimensione della mera autorialità per farsi traduttori di istanze complesse da costruire collettivamente, sia le comunità e le committenze riscoprire l’importanza del progetto di qualità.

Mostra a cura di Antonio De Rossi e Roberto Dini con la collaborazione di Eleonora Gabbarini, Matteo Tempestini, Federica SerraIstituto di Architettura MontanaDipartimento di Architettura e DesignPolitecnico di Torino.

​Organizzata in collaborazione con il Politecnico di Torino, l’Ordine Architetti della Valle d’Aosta e la Soprintendenza per i beni e le attività culturali della Regione Autonoma Valle d’Aosta.

Orario
martedì-domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18
Ingresso gratuito. Accesso con obbligo di Green Pass


Per questa iniziativa è riconosciuto 1 Credito Formativo Professionale per architetti: caricando il biglietto della mostra sulla piattaforma I-Materia sarà possibile autocertificare il credito.

Maggiori informazioni sul sito internet della Fondazione Courmayeur