Categoria: Seminari e Convegni
Stato: Archiviata
6 dicembre 2021 - ore 18,00

Violon et piano au côté parisien

Aula Magna - Politecnico di Torino - C.so Duca degli Abruzzi 24

Violon et piano au côté parisien
Un programma di matrice smaccatamente francese, quasi un’ideale ‘lezione’ sull’evoluzione del binomio violino e pianoforte, a Parigi, tra fine ‘800 e inizio ‘900. E allora l’effusiva Sonata di père Franck, poi la sublime pagina che Debussy, ormai mortalmente malato, destinò a tale organico, appaiandovi quella per flauto, viola e arpa e quella per violoncello (trittico che avrebbe dovuto comprendere altrettante pagine per fiati, purtroppo mai realizzate); da ultimo il modernismo di Ravel, incline a coniugare jazz e motorismo virtuosistico. Né manca una cordiale pagina del contemporaneo Campogrande, ancora relativamente fresca di inchiostro: estremo tassello di una ultra-centenaria letteratura.

Francesco Manara, violino
Claudio Voghera, pianoforte

Claude Debussy (1862-1918):

  • Sonata n. 3 in sol minore per violino e pianoforte L148
  • Allegro vivo
  • Intermède. Fantasque et léger
  • Final. Très animé

Nicola Campogrande (1969):
  • Forme di felicità (2020) per violino e pianoforte (Prima esecuzione a Torino)

Maurice Ravel (1875-1937):
  • Sonata in sol per violino e pianoforte
  • Allegretto
  • Blues. Moderato
  • Perpetuum mobile. Allegro

Cesar Franck (1822-1890):
  • Sonata in la maggiore per violino e pianoforte
  • Allegretto moderato
  • Allegro
  • Recitativo-Fantasia. Ben moderato largamente con fantasia
  • Allegretto poco mosso

Francesco Manara:
Diplomatosi al Conservatorio “G. Verdi” di Torino con Massimo Marin con lode e menzione, grazie alla De Sono si è poi perfezionato con Prencipe, Gulli, Ricci, Gheorghiu e ad Amsterdam con Krebbers. Nel 1992 è stato scelto da Muti come primo violino dell’Orchestra e della Filarmonica della Scala. Primo violino solista, ha suonato con Accademia di S. Cecilia, Orchestra Mozart, Bayerische Staatsoper, Orchestra di Monaco e Royal Concertgebouw di Amsterdam. Le affermazioni in vari concorsi internazionali (Joachim di Hannover, Stradivari di Cremona, ARD di Monaco, Cajkovskij di Mosca, Paganini di Genova) lo hanno condotto a una brillante carriera, esibendosi con un centinaio di orchestre tra cui Suisse Romande, Bayerischer Rundfunk, Radio di Stoccarda, Wiener Kammerorchester, Tokyo Symphony, OSNRai. Nel 1998 debutta al Lincoln Center di New York e nel 2011 è stato invitato a Londra con la Royal Philharmonic Orchestra. Il suo repertorio spazia da Bach ai contemporanei. Ha inciso per Sony, Foné, Decca. Fondatore del Trio Johannes, ha inciso l’integrale dei Trii e dei Quartetti con pianoforte di Brahms e il Trio ‘Arciduca’ di Beethoven (debutto nel 2002 alla Carnegie Hall). Docente di violino presso l’Accademia della Scala, la Scuola Musicale di Milano e l’Accademia di Alto Perfezionamento di Portogruaro, ha tenuto masterclasses alla Manhattan School, in Giappone, Colombia e Venezuela e corsi presso la Scuola di Fiesole, il Laboratorio di Spoleto e l’Istituto Perosi di Biella. Membro di giuria in concorsi internazionali, suona un Guadagnini del 1773.

Claudio Voghera:
Torinese, ha studiato con Luciano Giarbella al Conservatorio “G. Verdi” dove si è diplomato con il massimo dei voti e la lode, frequentando in seguito il corso di composizione tenuto da Gilberto Bosco. Grazie ad una borsa di studio della De Sono ha seguito corsi tenuti da Paul Badura Skoda e, per la musica da camera, dal duo Gulli-Cavallo, da Pierre Amoyal, Alexis Weissemberg e Pavel Gililov; gli incontri determinanti per il suo perfezionamento sono stati quelli con Aldo Ciccolini e con il Trio di Trieste, con i quali ha avuto modo di approfondire il repertorio solistico e quello cameristico studiando nelle Accademie di Biella, Roma e alla Scuola Superiore Internazionale di Musica da Camera del Trio di Trieste, ottenendo sempre il diploma di merito. Con il Trio Johannes ha vinto il secondo premio al Terzo Concorso Internazionale di Musica da Camera Premio Trio di Trieste e il secondo premio al ‘Third International Chamber Music Competition’ di Osaka. Con il Trio Johannes nel maggio 2000 ha effettuato una tournée in Sud America suonando nelle principali sale di Argentina, Uruguay e Brasile; inoltre grazie alla vittoria al ‘2001 International Concert Artists Guild Competition’ di New York, ha debuttato alla Weill Recital Hall della Carnegie Hall di New York nell’aprile 2002. Da allora è ritornato regolarmente negli Stati Uniti per importanti tournées. Gran parte del suo tempo è assorbito dall’attività didattica: è infatti docente di pianoforte principale al Conservatorio di Torino del quale è stato anche vice direttore fino al 2020; tiene inoltre corsi di perfezionamento estivi per l’Accademia di Musica di Pinerolo progetto Musica d’Estate a Bardonecchia.

Prenotazioni disponibili al seguente link.
Per maggiori informazioni, visitare il sito web.