Categoria: Call e bandi
Stato: Archiviata
Scadenza invio materiali: 31 agosto 2020

We are the Earth song contest

La RUS-Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile promuove, insieme al Coro PoliEtnico del Politecnico, un contest creativo musicale che ha come obiettivo la creazione di un brano musicale e di un video dal titolo “We are the Earth”, noi siamo il pianeta Terra, per sensibilizzare sui temi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile.

Si tratta di un contest aperto a tutti: organismi musicali di Ateneo (cori, orchestre, gruppi musicali), band studentesche, persone singole (studenti, docenti, personale amministrativo) degli Atenei italiani (anche non aderenti alla RUS) che vorranno partecipare.

Il pezzo musicale dovrà essere di impronta corale, articolato in strofe e ritornelli, dovrà essere multilingue, con testi che richiamino i temi dell’Agenda 2030 e che possa raccogliere il contributo creativo di più Atenei italiani. Il risultato del progetto sarà a disposizione di tutta la rete RUS e potrà essere utilizzato per le iniziative della Rete e per le collaborazioni che ciascun Ateneo vorrà liberamente sviluppare sul proprio territorio.

Il coro PoliEtnico ha individuato una melodia di riferimento, un canto dei nativi americani piuttosto conosciuto sul tema della Madre Terra (“the river is flowing”) che dovrà essere utilizzato come ritornello nelle composizioni in concorso: si tratta dell’unico vincolo di una selezione che sarà la più ampia possibile tra generi e tipologie di brani.

Il contest sarà aperto dal 26 maggio al 31 agosto 2020, periodo durante il quale sarà possibile contattare gli organizzatori (song.contest@polito.it) per ogni richiesta di chiarimento. Dopo la scadenza del termine di partecipazione sarà istituito un gruppo di valutazione per la selezione delle proposte pervenute, composto dal Direttore del Coro PoliEtnico, da un componente del Consiglio Direttivo del Coro PoliEtnico, da due rappresentanti della RUS, da due direttori di coro o orchestra di università RUS e da due rappresentanti di ASviS – Allenza Italiana per lo Sviluppo sostenibile. Il gruppo di valutazione dovrà concludere i propri lavori entro il 15 settembre 2020.